Acconsento all'utilizzo dei cookie su questa pagina a fini di analisi, contenuti personalizzati, pubblicità e servizi di analisi web.
Maggiori informazioni

Dolore alla schiena in gravidanza

Per persone
indaffarate

Dolore alla schiena in gravidanza: non siete sole

La gravidanza significa portare in giro con voi una personcina ovunque andiate, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Anche se è una personcina davvero adorabile, può influenzare significativamente la capacità di trarre piacere dalle attività quotidiane.1,2

Non è solo una sfida per voi, ma anche per la vostra schiena, che deve adattarsi a un corpo in rapida evoluzione con un baricentro completamente nuovo.

Mentre il vostro bambino cresce dentro di voi, ha un impatto sulla forma della colonna vertebrale. Deve succedere, perché se la vostra colonna vertebrale non si adatta, a un certo punto semplicemente cadreste in avanti.2 Ma in alcuni casi, la colonna vertebrale si adatta un po’ troppo, creando una postura lombare incavata che può infine causare dolore nell’area lombare e pelvica.

Rilassatevi!

È un problema comune. Il 58% di tutte le donne in gravidanza è affetta da dolore alla schiena e pelvico correlato alla gravidanza.3,4 Quindi, se avete un leggero dolore alla schiena di tanto in tanto, non c’è motivo di preoccuparsi. Certamente non siete sole. Se il dolore è continuo, o raggiunge un livello medio o forte, allora potrebbe essere il momento di provare a cercare una soluzione.4

Fortunatamente, ci sono vari rimedi casalinghi, approcci terapeutici od ortesi (dispositivi o supporti ortopedici) che potete usare per rafforzare la schiena.

Una cosa che non dovreste assolutamente fare è non fare nulla. Molti tipi di dolore alla schiena non scompaiono da soli. Se soffrite da un po’ di tempo, non provate a sedervi, perché in molti casi può peggiorare le cose.

Quale precisa linea di condotta adottare dipende da voi, dopo aver consultato il medico. Questo sito Web offre informazioni di base, ma non può mai sostituire il dialogo con un operatore sanitario, che si tratti di ostetrica, ginecologo o medico di famiglia.

Bibliografia
1 Ho, SS et al. (2009). J Clin Nurs; 18(11), 1523-1532
2 Pennick, V & Liddle, Sd (2013). The Cochrane Library; 8.
3 Pierce, H et al. (2012). Nurs Res Pract; 387428.
4 Chan, YL et al. (2002). Clin Radiol; 57(12), 1109 –1112.